Sito istituzionale del Comune di Senigallia

Chiostro delle Grazie Summer Jamboree Museo Archeologico La Fenice Festa della Musica Europea Rotonda a mare Cucine di Borgo Concerto banda musicale Storia di Senigallia CaterRaduno Manifestazione al Foro Summer Jamboree Summer Jamboree Pane nostrum Manifestazion estive
In evidenza
Comune di Senigallia - Piazza Roma, 8 / Centralino 071-66291 / Fax 071-6629303 P.e.c. comune.senigallia@emarche.it
La mappatura geofisica della città

Uno degli aspetti più innovativi del progetto consiste nell’utilizzo delle tecniche geofisiche per la lettura diagnostica del sottosuolo in area urbana , in linea con le moderne esigenze in materia di archeologia preventiva . Tra il 2010 ed il 2011 sono state avviate ricerche geofisiche, in particolare la mappatura del centro storico con l’utilizzo del georadar che, finora, ha riguardato diverse piazze e vie della città, nonché l’interno di alcune cantine pubbliche e private.

Il survey geofisico è stato programmato in sinergia con l'Area Tecnica Territorio e Ambiente del Comune di Senigallia. I risultati, in corso di elaborazione, sono in generale incoraggianti e stanno fornendo importanti informazioni sul record archeologico sepolto, parallelamente a nuove positive implicazioni metodologiche. Le indagini, infatti, hanno permesso di individuare e ricostruire, seppur parzialmente, il paleosuolo su cui si è impiantata la città romana di Sena Gallica e di ipotizzare la prosecuzione di uno degli assi stradali riportati in luce sotto il Teatro La Fenice, verso l’attuale via Leopardi, concretizzando ulteriormente la possibilità di comprendere il più antico tessuto urbano .

Allo stato attuale, nei siti di via Cavallotti n. 24 e di via Baroccio n. 72 , dove i lavori di riqualificazione previsti sono stati preceduti da indagini geofisiche che hanno permesso di guidare le operazioni successive, sono stati condotti completi lavori di integrazione. Il dato ricavato dalla geofisica è stato poi verificato mediante scavo stratigrafico e associato agli studi geomorfologici .

In altre zone della città, invece, la ricerca si è limitata alla sola diagnostica, come nei casi dei Giardini Catalani, dei Giardini della Rocca Roveresca, dell’orto del Monastero di Santa Cristina e di molte altre strade e piazze del centro. Anche in queste zone, però, si è ricorso all’integrazione, non soltanto di dati di diversa natura, ma anche dei sistemi geofisici, spesso utilizzati in associazione fra loro. A Senigallia sono stati testati, in differenti situazioni, tutti i principali metodi geofisici applicati all’archeologia : georadar, geoelettrica , gradiometria , magnetometria ed elettromagnetometria . Alle attività di ricerca hanno partecipato Iacopo Nicolosi e Roberto Carluccio dell’ Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Roma - INGV

;
Immagini

;
;
Bandiera Blu Bandiera Verde Zipa-Consorzio zone imprenditoriali Provincia di Ancona Marca Anconetana Associazione Comuni Virtuosi Multiservizi Spa Urbino Terre di Frattula Terra del Duca
Powered by Hippo CMS Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS
responsabile del sito