Seguici su

Esplora contenuti correlati

LA CASA OLANDESE di Ann Patchett

11 Marzo 2022

Ambientato nel corso di cinque decenni, La casa olandese è un’esplorazione acuta e profondamente umana delle nostre ossessioni e della capacità di perdonare, di quello che nella vita accumuliamo, conserviamo, perdiamo o regaliamo. E di ciò che ci lasciamo alle spalle.

«L’ultimo romanzo della scrittrice statunitense Ann Patchett, La casa olandese, è bellissimo. Come accade solo nei libri più belli, infatti, riesce a entrare in punta di piedi all’interno della complessità delle relazioni umani, svelandone progressivamente misteri e contraddizioni» – Michela Marzano, Robinson

Alla fine della Seconda guerra mondiale, grazie a un colpo di fortuna e a un unico, perspicace investimento, Cyril Conroy crea dal nulla un impero immobiliare che porterà la sua famiglia dalla povertà a un’immensa ricchezza. Per fare sfoggio del suo nuovo status, acquista la casa olandese, una sfarzosa proprietà nei sobborghi di Filadelfia. Comprata per fare una sorpresa alla moglie, la villa dà il via a una serie di avvenimenti che finiranno per danneggiare le persone a lui più care. A raccontare la vicenda è il figlio di Cyril, Danny, che insieme alla sorella maggiore Maeve è stato esiliato da casa dalla seconda moglie del padre. Per tutta la vita i due ragazzi non fanno che tornare, fra l’ironia e la rabbia, alla vecchia questione di ciò che hanno perduto. Questo loro legame indissolubile, se da una parte salverà loro la vita, dall’altra ne comprometterà il futuro.

Condividi: