Esplora contenuti correlati

Finanziamento di 60.000 euro al progetto “Consilium Civitatis Digitale” da parte della Regione Marche

22 Dicembre 2022

La Regione Marche ha concesso un finanziamento di 60.000 euro al progetto “Consilium Civitatis Digitale”, formulato e presentato dalla Presidenza del Consiglio di Senigallia, per l’attuazione del sistema di gestione integrato multimediale delle attività e dei lavori consiliari, ma anche per conferenze e convegni organizzati dall’ente.

La Presidenza del Consiglio sottolinea come “questo progetto sia un esempio di eccellenza della digitalizzazione, a livello regionale e nazionale, legata ai lavori degli organi di governo, in particolare a quelli del Consiglio.”

“Un nuovo servizio ai cittadini e uno strumento nuovo agli eletti – ha spiegato il Presidente Bello – grazie al quale possiamo svolgere riunioni in presenza, in videoconferenza, ma anche in forma ibrida, una parte in presenza e una parte da remoto. Non solo, perché il nuovo sistema multimediale istallato permette, tra le altre cose, anche di sincronizzare la seduta del Consiglio, trasmettendola in diretta Facebook con i sottotitoli per i non udenti.” L’idea è partita dallo stesso Presidente Bello, che ha seguito, fin dal suo insediamento, la realizzazione di questo progetto. “Una novità assoluta – ha detto ancora Bello – che soltanto in questi ultimi sei mesi si è potuta realizzare, grazie al riconoscimento da parte della Regione del nostro progetto. L’obiettivo? Implementare i servizi digitali e valorizzare il ruolo e il prestigio del Consiglio.”

La Presidenza del Consiglio di Senigallia aveva presentato il progetto al Presidente dell’Assemblea legislativa delle Marche, Dino Latini, nell’ambito di un programma di ammodernamento degli strumenti e dei servizi dell’organo di governo Consiglio che il Presidente Bello sta portando avanti sin dalla elezione. E la Regione ha ritenuto questo progetto digitale coerente, destinandovi 60.000 euro. “Un esempio di buon governo istituzionale dell’aula consiliare – ha dichiarato Dino Latini, Presidente dell’Assemblea legislativa delle Marche – ma soprattutto un esempio di innovazione tecnologica, che unisce organizzazione e funzionalità, permettendo così di migliorare la qualità dei lavori consiliari, ma anche quella dei rapporti tra eletti e cittadini, che possono seguire le attività pubbliche del Consiglio.”

“Il rinnovamento digitale del Consiglio, dopo quasi vent’anni, con questo nuovo sistema multimediale – ha concluso il Presidente Bello – permette di ottenere qualità, funzionalità, trasparenza ed efficienza dei processi istituzionali ed amministrativi.”

Condividi: