Esplora contenuti correlati

Dichiarazione sostitutiva di certificazione

Il cittadino dichiara con valore di legge, sotto la propria responsabilità, ciò che prima veniva rilasciato, mediante certificati, dalla Pubblica Amministrazione. L’autocertificazione sostituisce i certificati e documenti richiesti dalle Amministrazioni Pubbliche e dai Gestori dei servizi pubblici (Enel, Poste, Telecom, ecc.).

È ammessa una dichiarazione sostitutiva di certificazione per documentare i seguenti stati, fatti e qualità personali:

  • data e luogo di nascita
  • residenza
  • cittadinanza
  • godimento dei diritti politici o civili
  • stato civile (celibe, nubile, coniugato, vedovo)
  • stato di famiglia
  • esistenza in vita
  • nascita o morte
  • obblighi militari
  • iscrizioni in albi o elenchi pubblici
  • titolo di studio, esami sostenuti
  • qualifiche professionali
  • professione esercitata
  • appartenenza ad ordini professionali
  • stato di disoccupazione
  • condizioni di pensionato o studente
  • titolarità di licenze e autorizzazioni amministrative
  • condizioni di erede, proprietario, conduttore
  • possesso e numero del codice fiscale e della partita IVA
  • dati dell’anagrafe tributaria
  • iscrizione ad associazioni di categoria, enti e servizi
  • qualità di rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore e curatore
  • non aver riportato condanne penali
  • situazione reddituale o economica
  • assolvimento obblighi contributivi con l’indicazione dell’ammontare corrisposto.

Per i cittadini della Comunità Europea si applicano le stesse modalità previste per i cittadini italiani; per i cittadini non appartenenti alla Comunità Europea la possibilità di effettuare l’autodichiarazione è limitata ai residenti in Italia, e solo per quei fatti, stati e qualità personali certificabili o attestabili da parte di soggetti pubblici o privati italiani.

La Pubblica Amministrazione deve accettare l’autocertificazione, il rifiuto costituisce violazione dei doveri d’ufficio. Nel rapporto tra privati il riconoscimento della validità dell’autocertificazione resta a discrezione del privato che richiede il certificato o documento. Non è possibile utilizzare l’autocertificazione per certificati medici, sanitari, veterinari, di origine, di conformità all’U.E., marchi e brevetti.


Modalità di acceso

Sede centrale Piazza Roma, 8
Mattino dal lunedì al venerdì 9.00– 12.30
Pomeriggio martedì e giovedì 15.30 – 17.30

Sede decentrata di Marzocca S.S. Adriatica Sud-Marzocca, 41
Mattino venerdì 9.00 – 12.30

Invio documentazione a mezzo posta, fax 0716629201, e-mail: r.molinelli@comune.senigallia.an.it,

pec: comune.senigallia@emarche.it


Documentazione necessaria

Compilazione di un modello con in calce la propria firma leggibile, apposta per esteso e non autenticata.


Tempi di rilascio

Rilascio immediato.


Normativa di riferimento

Art. 46 del D.P.R. 28/12/2000, n. 445.

Ufficio di riferimento: Area 3 – Servizi Demografici

Indirizzo ufficio Palazzo Comunale, P.zza Roma, 8 - 60019 Senigallia (AN)

RESPONSABILE MOLINELLI RODOLFO

Vai alla pagina dell'ufficio

Condividi: